IMG_8948

L’aceto dei quattro ladri

L’aceto dei quattro ladri, un rimedio antico dagli usi moderni.

Origine

Narra la storia che in Francia, al tempo della peste, nel diciassettesimo secolo, quattro ladri si aggirassero a derubare gli appestati, uscendone indenni.
Un giorno furono catturati e, gli venne detto che, se avessero rivelato il loro segreto per non ammalarsi, avrebbero avuto una mitigazione della pena: la possibilità di essere impiccati anzichè bruciati viti, per una morte più rapida e meno dolorosa.
Loro accettarono e rivelarono la loro ricetta: prima di uscire di casa si cospargevano tutto il corpo con un aceto in cui avevano messo a macerare delle erbe dalle forti proprietà antibatteriche e antivirali.
Da allora le ricette che si tramandano sono infinite, ma sembra che le erbe originarie fossero solamente quattro: timo, alloro, salvia e lavanda.
E con questi semplici ingredienti e del buon aceto, ancora oggi è possibile preparare questo rimedio portentoso.

IMG_8951

Ricetta

Riempire un vaso di vetro con rametti delle quattro erbe fresche: timo, lavanda, salvia e rosmarino, in pari quantità.
Ricoprire con aceto di mele biologico non pastorizzato.
Coprire con coperchio non metallico perchè verrebbe corroso dall’aceto.
Lasciare in infusione a temperatura ambiente per un minimo di 15 giorni.
Filtrare e imbottigliare.
L’aceto di mele ha già di per sè molteplici proprietà, inoltre, come tutti gli aceti, è in grado di estrarre sali minerali, vitamine e altre sostanze terapeutiche dalle piante che vi vengono infuse, rendendo il prodotto finale davvero potente e multiuso.

IMG_8952

Usi

Questo aceto ha tantissimi usi, eccone alcuni, ma ognuno di voi, con un po’ di creatività, ne potrà trovare tanti altri:
– un dito di aceto in un bicchiere d’acqua la mattina a digiuno come cura
– nell’acqua del bagno
– per farsi delle salutari spugnature su tutto il corpo, come facevano i quattro ladri
– condimento per insalata
– risciacquo rinforzante e antiforfora per capelli
– per le pulizie di casa (pavimenti, piatti, superfici…)
– per lavare il pelo dei cani


Ti potrebbe interessare anche…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*